Franco Consonni srl

Produzione e installazione di infissi e serramenti Monza Brianza

materiali antibatterici in edilizia per la lotta al covid-19

Il COVID-19 ha cambiato la nostra vita quotidiana

Da oggi in poi, anche la progettazione di prodotti di uso comune dovrà tenere conto delle limitazioni che il virus ci impone.

Per esempio, implementando limitazioni al contatto fisico con gli oggetti di uso comune, oppure, ove non sia fattibile, utilizzando prodotti che combattano la proliferazione di batteri e virus.

Questo è il caso delle vernici con protezione antibatterica e materiali antibatterici per le costruzioni.

Impiego di vernici e materiali antibatterici

Questo tipo di prodotti sono disponibili già da qualche anno ma il loro utilizzo sta prendendo piede con l'arrivo della pandemia.

L'arrivo del COVID-19 ha ribadito l'importanza di igiene e sanificazione non solo per gli ospedali e luoghi di cura ma per qualunque ambiente affollato nei quali le persone debbano sostare a lungo.

Con il graduale rientro nelle attività lavorative, la sicurezza di questi luoghi diventerà un punto di sempre maggiore importanza: sarà necessario implementare misure di protezione che fino a due mesi fa sarebbero state straordinarie.

Nei luoghi collettivi in cui trascorriamo la maggior parte del nostro tempo: trasporti, stazioni, hotel, uffici, ristoranti ecc... Andranno applicate le nuove soluzioni: approcci innovativi all'industrial design e alla progettazione di interni; perché il proliferare di virus, batteri e microorganismi è un problema che riguarda la salute di tutti.

Nuove tecnologie per la lotta al virus COVID-19

Assisteremo ad un uso sempre più massiccio di tecnologie contactless e wireless.

Queste permetteranno di evitare il più possibile il contatto fisico con i materiali, particolarmente il metallo sul quale il COVID-19 ha una maggiore possibilità di sopravvivere.

Verranno adottati nuovi criteri nella scelta dei materiali stessi e dei rivestimenti, utilizzando quelli con maggiore capacità di contrasto a virus e batteri.

Esistono metalli con capacità intrinseche di contrastare i batteri come oro, argento, zinco e rame; purtroppo inutilizzabili in modo massivo per i costi proibitivi.

Riscopriamo materiali antibatterici per design e edilizia

materiali antibatterici edilizia

Ecco che la soluzione più probabile con costi ragionevoli sia lavorare al rivestimento.

Utilizzando rivestimenti speciali, arricchiti da composti chimici antibatterici e antivirali (come il biossido di titanio, di silicio o gli ioni di argento) potremo assicurare la stessa sicurezza dei materiali più costosi a costi contenuti.

Le categorie dei materiali antibatterici

Tutti i materiali con capacità antibatteriche sono raggruppabili in tre gruppi:

  • quelli ottenuti tramite alterazioni chimiche per implementare una capacità antibatterica in un materiale che naturalmente non ha queste capacità;
  • i materiali con capacità antibatteriche innate nella loro struttura chimica di base;
  • materiali eterogenei, quindi materiali al cui interno vengono inseriti composti chimici in grado di attivare reazioni antibatteriche.

Per ognuno di questi gruppi esistono vari modi di attivazione delle proprietà antibatteriche.

Quelle il cui uso è più consolidato più utilizzate in edilizia sono: rame, biossido di titanio, ioni di argento.

Applicazioni di utilizzo del rame

Il rame, in massa, funziona come antibatterico; questo comporta un utilizzo limitato a maniglie, interruttori, rubinetterie, tubature e piani di appoggio.

Qualità del biossido di titanio

Oltre all'azione antibatterica, simile a quella degli altri materiali, sfrutta il fenomeno naturale della fotocatalisi.

Grazie a questo, migliora le condizioni dell’aria, regola l’umidità, elimina la formazione di cattivi odori, riduce significativamente (fino al 70%) molti degli agenti inquinanti presenti nell’aria ed è repellente allo sporco.

L’azione antibatterica del biossido di titanio non si degrada e non perde le sue proprietà nel tempo, restando sempre attiva ed efficace congiuntamente alla fotocatalisi.

Le sue applicazioni architettoniche sono tra le più ampie: piastrelle, lastre, vernici, rivestimenti, laminati, impasti, cementi, piani in marmo, pietre rigenerate, prodotti tessili, fibre, membrane, ecc...

Vantaggi dell'uso degli ioni d'argento

Gli ioni d'argento sono impiegati nella fabbricazione di piastrelle, vernici, lastre, laminati, tessuti, membrane, piani in marmo e pietre ricostruite.

Effettuano un'azione antibatterica (sia nei confronti dei batteri gram-positivi che gram-negativi), fungicida e inibente la crescita delle spore (di un certo numero di funghi patogeni)

Questa nasce dal rilascio degli stessi ioni, inseriti con diverse modalità (fitoriduzione, nanotecnologie…) all’interno del materiale.

Da millenni sono note le capacità antibatteriche dell'argento; già Ippocrate le decantava, questo fa degli ioni d'argento un'alternativa sicura a antimicrobici organici e sintetici in grado di ridurre in modo permanente la presenza di microbi fino al 99%.

Scopri i nostri serramenti in alluminio